Nome
John Churchill, marchese di Blandford Genere : M
nato il 12 gennaio 1686 lug.Cal. (22 gennaio 1686 greg.) alle 06:00 (= 06:00)
Luogo Musbury, Inghilterra, 50n4444, 3w0137
Fuso orario LMT m3w0137 (è l'ora media locale)
Fonte di dati
Citato BC/BR
Valutazione di Rodden aa
Collezionista: Scholfield
Dati astrologici s_su.18.gif s_aqucol.18.gif02°46' s_capcol.18.gif s_sagcol.18.gif05 ° 41 Asc. 29°51'
aggiungi il marchese di Blandford John Churchill a 'il mio astro'





Marchese di Blandford John Churchill (particolare di un ritratto dello studio di Sir Godfrey Kneller, ca. 1698)

Biografia

Pari britannico, l'erede apparente al Ducato di Marlborough - come unico figlio sopravvissuto di John Churchill, I Duca di Marlborough, un abile generale, e Sarah Jennings, un'amica intima della regina Anna. Blandford morì senza figli nel 1703, e alla morte del padre nel 1722, il ducato passò alla sorella maggiore, Lady Henrietta Godolphin (nata Churchill).

All'inizio del 1703, il diciassettenne Blandford contrasse il vaiolo, allora una malattia mortale. La regina Anna inviò i suoi medici personali per assisterlo. Sabato mattina, 20 febbraio, Blandford è morto al King's College, facendo sprofondare suo padre nel 'più grande dolore del mondo'.

Link alla biografia di Wikipedia

Relazioni

  • rapporto figlio->genitore con Churchill, John (nato il 26 maggio 1650 Jul.Cal. (5 giugno 1650 greg.))
  • rapporto di parentela con Henrietta Godolphin, 2a duchessa di Marlborough (nata il 19 luglio 1681 Jul.Cal. (29 luglio 1681 greg.))
  • rapporto di fratellanza con Mary Churchill, duchessa di Montagu (nata il 15 luglio 1689 Jul.Cal. (25 luglio 1689 greg.))

Eventi

  • Morte per malattia 20 febbraio 1703 Jul.Cal. (3 marzo 1703 greg.) (vaiolo)
    grafico Placido Equal_H.

Note sulla fonte

Sy Scholfield cita la Bibbia della duchessa di Marlborough citata in 'La vita di John Churchill Duca di Marlborough all'adesione della regina Anna, volume 1' del visconte Garnet Wolseley Wolseley (R. Bentley & Son, 1894), p. 196: 'Jack è nato il 12 gennaio 1686 verso le sei del mattino'.