Nome
Brando, Christian Genere : M
Nome di nascita Christian Devi Brando
nato il 11 maggio 1958 alle 19:36 (= 19:36)
Luogo Los Angeles, California, 34n03, 118w15
Fuso orario PDT h7w (è l'ora legale)
Fonte di dati
BC/BR in mano
Valutazione di Rodden aa
Collezionista: Clifford
Dati astrologici s_su.18.gif s_taucol.18.gif20°52' s_piscol.18.gif s_scocol.18.gif07°35 Asc. 20°04'
aggiungi Christian Brando a 'il mio astro'





Christian Brando
licenza d'uso equo

Biografia

Nota famiglia americana, figlio di Marlon Brando e Anna Kashfi. Nella tenuta di suo padre a Bel Air, il 16/5/1990, sparò e uccise Dag Drollet di Tahiti, l'amante di sua sorella. Stavano discutendo sul fatto che Drollet stesse picchiando sua sorella incinta, Tarita Cheyenne Brando, di 20 anni. All'epoca ubriaco, ha detto che c'è stata una lotta e che la pistola è esplosa per caso. Con il suo avvocato difensore, William Kunstler, si è dichiarato colpevole di omicidio volontario il 1/04/1991 ed è stato condannato a dieci anni di carcere.

La mamma di Brando era irlandese-indiana, violenta e instabile. Era un liceale che aveva lasciato il liceo e un alcolizzato infernale. Per oltre un decennio, i suoi genitori hanno litigato per lui, legalmente, fisicamente e pubblicamente, quindi quando è entrato nel tribunale di Santa Monica, ha osservato: 'Entro da quelle porte da quando ero bambino'. Un ragazzo tempestoso da una famiglia tempestosa, era frustrato e arrabbiato, emergendo come il ragazzo-poster per tutto ciò che è sbagliato nel ghetto d'oro di Hollywood. Un tempo bambino curioso e vigile, è stato danneggiato emotivamente e intellettualmente dalla sua educazione e dall'abuso cronico di sostanze.

A Marlon Brando è stata concessa la custodia permanente di Christian quando aveva 13 anni, all'incirca quando il ragazzo ha iniziato a bere e fare uso di droghe, comprese sostanze psichedeliche. Ci si aspettava che lui e i suoi fratellastri si guadagnassero da vivere e lavorava d'estate nell'hotel di suo padre a Tahiti. Per tre anni ha lavorato in Alaska, pilotando una chiatta per un trasformatore di pesce durante le estati. Durante gli inverni, viveva in una capanna vicino a Mt. St. Helens a Washington, ottenendo la disoccupazione e facendo lavoretti. Intorno al 1982, ha imparato a saldare in una scuola tecnica di Downey. Gli piaceva perché non aveva nessuno chinato su di lui che gli diceva cosa fare. Aveva il controllo. Evitando il nome o l'immagine Brando, usava spesso il nome 'Gary Brown'.

Brando e sua moglie, l'attrice Mary McKenna, si sono serviti a vicenda con i documenti per il divorzio nel giugno 1985. Ha detto alla stampa: 'Le sue infedeltà sono troppo imbarazzanti. Prova a dire a un Brando di andare da un consulente matrimoniale e ti riderà in faccia.'

Dopo quasi cinque anni della sua condanna a 10 anni, Brando è stato rilasciato dal carcere di San Luis Obispo il 1/10/1996. Mentre era in prigione, si è unito agli Alcolisti Anonimi e ha guadagnato il suo GED. Lasciandosi alle spalle Hollywood, si è trasferito nel nord-ovest americano, lavorando come saldatore freelance. Vive in un cottage con una camera da letto sulle rive del fiume Columbia e guida un camioncino della fine degli anni '80, con un nuovo modello di Ford Ranger per le commissioni.

Suo padre è morto il 1 luglio 2004 di fibrosi polmonare.

Brando ha sposato l'artista Deborah Presley il 16 ottobre 2004 a Las Vegas. La sposa di 48 anni afferma di essere una figlia illegittima di Elvis Presley, ma un giudice di Memphis ha stabilito nel 1988 che le sue affermazioni non avevano alcun merito. Dice di essersi innamorata di Brando nel 1987 quando ha visto la sua foto.

Brando è stato implicato nel processo 2004-2005 di Robert Blake per l'omicidio di Bonnie Lee Bakley. Sembra che l'avvocato di Blake abbia suggerito che Brando potrebbe avere qualcosa a che fare con l'omicidio di Bonnie Lee Bakley, la moglie di Blake. Chiamato a testimoniare nel processo, Brando ha fatto valere i suoi diritti di quinto emendamento. Non è stato in grado di sfuggire a ulteriori guai legali nel 2005. A gennaio Brando si è dichiarato colpevole dell'accusa di abuso coniugale ed è stato condannato a un programma di riabilitazione per abuso di droga e alcol, nonché a tre anni di libertà vigilata. Brando e sua moglie Deborah hanno divorziato dopo solo pochi mesi di matrimonio. L'anno si è concluso con l'ennesima nota bassa della sua vita. Il 27 dicembre 2005, l'ex moglie di Brando, Deborah, e sua figlia di 13 anni, hanno intentato una causa alla Corte Superiore di Los Angeles per violazione dei loro diritti civili, aggressione, violenza domestica, percosse e stress emotivo. La causa per danni non specificati accusava di averli terrorizzati aggredendo sua moglie e minacciando di uccidere sua figlia e il loro cane.

La mattina del 26 gennaio 2008, Brando è morto di polmonite in un ospedale di polmonite di Hollywood, in California. Aveva solo 49 anni.

Link alla biografia di Wikipedia

Relazioni

  • rapporto figlio->genitore con Brando, Marlon (nato il 3 aprile 1924)
  • relazione di fratello con Brando, Cheyenne (nato il 20 febbraio 1970)
  • (ha come) rapporto di insegnante con Laughlin, Tom (nato il 10 agosto 1931)

Eventi

  • Relazione : Divorzio nel giugno 1985 (Mary McKenna)
    grafico Placido Equal_H.
  • Crimine: omicidio per omicidio 16 maggio 1990 (amante della sorella colpita)
    grafico Placido Equal_H.
  • Crimine: Processo il 4 gennaio 1991 (dichiarato colpevole di sparatoria)
    grafico Placido Equal_H.
  • Sociale : Deistituzionalizzato - carcere, ospedale 10 gennaio 1996 (Usato dal carcere)
    grafico Placido Equal_H.
  • Morte del padre 1 luglio 2004 alle 18:20 a Los Angeles, CA
    grafico Placido Equal_H.
  • Relazione : Matrimonio 16 ottobre 2004 (Deborah Presley a Las Vegas)
    grafico Placido Equal_H.
  • Relazione : Divorzio nel 2005 (da Deborah)
  • Reato: causa 27 dicembre 2005 (querela dell'ex moglie e della figlia per abuso)
    grafico Placido Equal_H.
  • Morte per malattia 26 gennaio 2008 (a Hollywood, di polmonite all'età di 49 anni)
    grafico Placido Equal_H.

Note sulla fonte

AVANTI CRISTO. in mano da Frank C. Clifford